Come il web 2.0 ha cambiato l'importanza di affidabilità e performance.

cosimozecchi   di Cosimo Zecchi   /  22 novembre 2018  /  commenti

Come il web 2.0 ha cambiato l'importanza di affidabilità e performance.

E’ da venti minuti che sto provando a fare un bonifico per pagare un fornitore di Trame Digitali attraverso il mio homebanking. La procedura che uso con soddisfazione quasi tutti i giorni deve avere dei problemi e non si riesce a pagare.
La cosa mi stava irritando molto. Poi alla fine sono riuscito a fare il bonifico.

Se fossi uscito per andare a pagare in una filiale della banca, avrei perso molto più tempo eppure sono sicuro che non avrei quel senso di frustrazione che ho adesso.

Non lo trovi senza senso anche te? Eppure oggi al minimo problema, al minimo rallentamento, al minimo ostacolo sulla navigazione, non siamo più disposti a sopportare e perdiamo fiducia e coinvolgimento in quello che stiamo facendo. Questo avviene perchè ormai il livello di servizio atteso dal web e dalla tecnologia è altissimo. Non è più roba per smanettoni, un canale per pochi utenti motivati: è diventata la quotidianità di tutti.

Ogni giorno usiamo decine di servizi online che hanno performance altissime. Siamo abituati ad avere risposte immediate, ininterrottamente giorno e sera, grafica moderna e facilità d’uso, perchè gli attori del web sono società sempre più grandi, la tecnologia è sempre più diffusa ed il tempo è sempre più prezioso.
Sfido chiunque a dimostrare che non è così.

Abbiamo conti correnti che funzionano solo attraverso internet, se non solo attraverso app, compriamo su internet con disinvoltura e pochi click, quando abbiamo un dubbio o vogliamo approfondire qualcosa cerchiamo subito su google. Questo ha alzato molto la soglia dello standard qualitativo (di prestazione e di presentazione) atteso da un sito perchè le applicazioni e i portali che usiamo tutti i giorni diventano un metro di paragone.

Se stai iniziando la tua attività online, sicuramente non è tua intenzione competere con Google, Youtube, Facebook o l’homebanking della banca. Ti accontenti di molto meno, anche perchè puoi investire molto meno.

La brutta notizia è che per i tuoi clienti non è così.
Sanno di non essere sul sito di una multinazionale del web, ma se vuoi la loro fiducia, se vuoi coinvolgerli, se vuoi far aprire il loro portafoglio ti devi adeguare agli standard.

Prendere in considerazione aspetti tecnici, che di per sé non ti porterebbero un euro, è il prezzo da pagare per competere in un mondo, quello tecnoclogico, che non si ferma mai.
Quindi la soglia di investimento minimo per un progetto digitale si alza con l’alzarsi della qualità media.

La buona notizia è che in realtà oggi esistono anche strumenti alla portata di tutti per alzare la qualità del tuo servizio: economicamente sostenibili e che ti permettono di non dover coinvolgere un’intera divisione di programmatori.
Significa che se decidi di dar valore alla credibilità tecnica del tuo progetto e ti metti in mano a consulenti validi e preparati, puoi trovare soluzioni che alzino la qualità del tuo servizio.

No, questo non significa che il tuo sito non si fermerà mai: è impossibile perchè anche la mia banca, youtube, facebook stesso hanno problemi a volte.
Pensare che un’applicazione web o un ecommerce siano macchine perfette è il più grande errore che si possa compiere.
Spesso si spende tutto il budget a disposizione per la realizzazione del progetto e per i servizi collegati sottovalutando che più aumenta la complessità (un sito web non è la stessa cosa di un e-commerce o di una app), più è probabile che servirà una manutenzione continua.

Prendere tutte le precauzioni prevedendo le situazioni di rischio e un servizio di assistenza capace di ripristinare la situazione è un appproccio maturo e consapevole.

In questa ottica Trame Digitali si preoccupa sempre di adottare le migliori tecnologie possibili per i progetti ed i budget dei nostri clienti, tenendo conto Evitare soluzioni troppo complesse (non intendo difficili da usare, ma che hanno troppe funzionalità) per fare cose semplici, può stupire, è sempre la miglior difesa. Le cose complesse (avrai sentito parlare di wordpress o drupal) tendono a rompersi più facilmente. Non credere che sia scontato. Spesso sviluppatori o web agency sanno lavorare con un unico strumento e finiscono per suggerirti quello che è meglio per loro e non per te. Fatti sempre spiegare il perchè di una scelta tecnica.

Se adotti una soluzione che si può guastare preoccupati di avere anche un servizio di ripristino in tempi che siano sostenibili dal tuo business.
Capisco che a volte ci si faccia ingolosire dal prezzo basso di certe soluzioni, ma sul lungo periodo un presunto risparmio può portare costi imprevisti.

Se vuoi fare una chiacchierata sul tuo progetto e avere il nostro parere sulla sostenibilità del budget che stai stanziando, contattaci senza impegno economico.

blog comments powered by Disqus